Ftse mib: affidiamoci ai livelli tecnici per capire che fase di mercato stiamo attraversando

Ftse mib: affidiamoci ai livelli tecnici per capire che fase di mercato stiamo attraversando.

FTSE MIB

FTSE MIB

Mai come in questa fase di mercato l’analisi dei livelli tecnici è di fondamentale importanza, a differenza di molti che attendono news dalla Grecia, io mi affido ai i livelli tecnici (che poche volte mentono), soprattutto dopo un ciclo così lineare come quello che abbiamo osservato sul ftse mib.

Partiamo con una prima considerazione: per la prima volta da Ottobre 2014 la mia view non è più rialzista sull’indice italiano, perchè? ecco i motivi tecnici:

https://filipozze.wordpress.com/2015/06/04/ecco-perche-ho-chiuso-tutte-le-posizioni-long-sullindice-italiano/

Significa che ho aperto posizioni ribassiste sull’indice italiano? NO: significa solamente che, anche se il mercato rialzista dovesse estendere il ciclo verso area 25.000, non seguirò questo segnale in quanto non ho più un rapporto risk/reward favorevole. Detto questo sto cercando di “conteggiare” un massimo importante sull’indice italiano per la prima volta dal 2011.

Al momento sono aperte 3 ipotesi operative. Affidiamoci ai livelli tecnici dunque:

  1. SE il supporto in area 22.000 punti non dovesse cedere un’estensione del ciclo sopra nuovi massimi è ancora possibile. Se il gap aperto in area 22.500 verrà chiuso e ci sarà un forte movimento impulsivo il target in area 25.000 resta ancora valido
  2. SE il supporto in area 22.000 punti dovesse cedere il mercato ci sta indicando che, il ciclo partito da Ottobre 2014, va corretto: dove potrebbe finire lo storno? il primo ritracciamento utile di fibonacci è posto in area 21.415 ma non è da escludere un ritorno in area 20.650 o 19.880
  3. SE il mercato dovesse andare a prendere gli stop situati sotto 17.740 l’intero ciclo rialzista partito nel 2012 va corretto. In questo caso un obiettivo potrebbe essere area 15.000 punti

La mia operatività prevede di non tradare l’ipotesi 1 in quanto non favorevole come rapporto risk reward; di tradare invece l’ipotesi 2 e 3 in quanto favorevoli come rapporto risk/ reward.

Ho sempre sostenuto che, nelle fasi di storno del mercato, dobbiamo arrivare preparati con una precisa mappa mentale pronti ad adattarla al movimento del prezzo, in quanto il movimento del prezzo potrebbe essere violento e non dare modo all’investitore di prendere la decisione corretta. Spero che questo articolo vi possa aiutare nel prendere decisioni di trading in maniera professionale e non azzardata. Seguite il mio blog giorno per giorno, terrò monitorato con particolare attenzione i listini azionari in questa fase delicata del mercato

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...