FTSE MIB: oltre alle onde c’è di più

Postato il Aggiornato il

FTSE MIB: oltre alle onde c’è di più. Analizziamo il momento del nostro indice mettendo da parte l’analisi delle onde di Elliott e osservando altri fattori

Mini FTSE MIB40 Full0616 Future

La teoria dei frattali esiste nel trading? e in che cosa consiste?

In base alla mia esperienza posso affermare che, la teoria dei frattali, trova riscontro nell’andamento dei mercati finanziari ed è alla base di una buona attività di trading: che  cosa ci dice la teoria dei frattali e cosa si intende per frattale?

  • Un frattale è un oggetto geometrico dotato di omotetia interna: si ripete nella sua forma allo stesso modo su scale diverse, e dunque ingrandendo una qualunque sua parte si ottiene una figura simile all’originale

Si può quindi affermare che i mercati finanziari ripetono nel tempo delle forme o pattern che riflettono le emozioni degli investitori?

SI, ma non solo. Si ripetono nel tempo anche i fattori di disturbo o rumore indecisione che caratterizzano l’andamento dei prezzi.

Osserviamo come esempio il nostro indice italiano FTSE MIB: nel rettangolo sono evidenziati i due possibili frattali che il prezzo sta creando: non solo la forma è veramente simile ma anche l’arco temporale necessario per “disegnare” questa forma.

L’andamento dei prezzi di questi ultimi 4 mesi riflette l’indecisione dovuta, secondo gli analisti, ma non secondo gli analisti di Elliott a fattori di disturbo fondamentali:

Tra Ottobre 2014 e Gennaio 2015 il fattore fondamentale di “disturbo” era la possibilità da parte della BCE di implementare politiche monetarie straordinarie di supporto all’economia. Il prezzo in quel periodo non riuscì ad avere un trend lineare ma rimbalzò da resistenza a supporto prima di decidere la situazione.

Potrebbe essere questo un caso analogo per la famosa “Brexit”?

SI, potrebbe, infatti anche in questi 4 mesi supporto e resistenze non sono stati rotti.

La cosa interessante però essenzialmente è questa: quando si forma un frattale di questo tipo nei mesi successivi alla “risoluzione” del frattale osserviamo una fase di trend molto lineare. La fase di trend è però preceduta da una trappola,

Siamo all’interno della trappola proprio in questo momento?

 

Annunci

6 pensieri riguardo “FTSE MIB: oltre alle onde c’è di più

    Paolo Bonanni ha detto:
    19 giugno 2016 alle 11:38

    Ciao,ti seguo sempre con piacere e apprezzo il tuo lavoro ma vorrei una delucidazione: in un tuo precedente post hai scritto ”
    Una risalita del prezzo verso area 18.000 punti favorisce l’ipotesi rialzista
    La rottura verso area 16.000 punti favorisce l’ipotesi ribassista con la formazione di nuovi minimi”.
    Quindi poichè ha rotto i 16000 per poi ritracciare,l’onda 5 pare partita con approdo verso area 14500?
    Grazie

    Mi piace

      filipozze ha risposto:
      20 giugno 2016 alle 7:52

      Dipende dalla price action dei primi giorni di questa settimana: la discesa potrebbe essere solamente un test del minimo (B) oppure effettivamente l’ultima onda di un ciclo partito dai massimi. 14.700 14.800 punti sono i target se effettivamente il triangolo di compressione è una onda (4) e adesso siamo all’interno dell’onda (5)

      Mi piace

        Roberto ha detto:
        4 luglio 2016 alle 12:25

        lei dice: “….14.700 14.800 punti sono i target se effettivamente il triangolo di compressione è una onda (4) e adesso siamo all’interno dell’onda (5)…”. Cosa vuol dire SE? potremmo anche non essere in una situazione di onda4 il triangolo e onda5 la fase attuale ???

        Mi piace

    filipozze ha risposto:
    4 luglio 2016 alle 12:39

    Ciao Roberto, no il triangolo era sicuramente un’onda (4) visto la price action di questi giorni. Ora siamo all’interno di una nuova ondata ribassista (5). I target che ho scritto sono i target minimi calcolati in base alla dimensione del triangolo ma non è detto che il trend ribassista si possa estendere. Come ormai tanti hanno visto i miei target di lungo periodo sono la formazione di nuovi minimi rispetto al livello del 2008. Sicuramente si può affermare che il massimo del 2015 è un massimo tradabile che il mercato rispetterà per i prossimi anni fino al completamento di questa faser

    Mi piace

      Roberto ha detto:
      4 luglio 2016 alle 13:34

      GRazie della celere risposta. E ala fine dell’ondata ribassista (5) cosa ci aspetterebbe? Un semplice rimbalzo o una ripartenza se e per quali obiettivi?

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...