trading

Una settimana di lezioni gratis

Postato il

Sei un trader e vuoi capire meglio la teoria delle onde di Elliott, per poi metterla in pratica nei mercati finanziari? Elliott wave international organizza una settimana aperta a tutti, con lezioni pratiche, al fine di imparare e applicare le onde di Elliott come metodo di investimento, clicca qui è completamente gratuito:

 

http://www.elliottwave.com/Free-Events/Trader-Education-Week

0000-ew-logo

 

Annunci

Chinese Yuan: “Manipulated” Does NOT Mean “Unpredictable” “…markets are bigger than governments.”

Postato il Aggiornato il

Chinese Yuan: “Manipulated” Does NOT Mean “Unpredictable”
“…markets are bigger than governments.”

By Elliott Wave International

This year’s U.S. presidential election brought into focus one market you don’t hear about often: the Chinese yuan, or renminbi.

“Donald Trump has been telling us all for a long time now that China is a currency manipulator. It’s part of his plan for his first 100 days in office to get on with making sure that China is legally declared to be such a currency manipulator and thus start the process of doing something about it.

“The problem with this is that China really is a currency manipulator. But they’re manipulating the value of the yuan up, not down. Thus returning it to the correct free market value isn’t going to have the desired effect of closing America’s trade deficit with China.” (Forbes, Nov. 13.)

However things shake out with China under the new White House administration, let’s look closer at the basic premise of this argument — namely, that China’s government manipulates the currency.

By definition, market manipulation means stopping the free-market forces from doing what they do best: setting a fair value of an asset that suits both the buyer and the seller. It also implies that the manipulated market is no longer predictable using trend indicators you would apply to other, freely-traded assets.

So, does this mean that the yuan has been unpredictable?

You be the judge.

Below, you see a chart of the yuan vs. U.S. dollar exchange rate going back to 2014.

The arrows on this chart show you the timing of 15 yuan forecasts subscribers saw over the past two years in our Sunday-Tuesday-Thursday Asian-Pacific Short Term Update, edited by Chris Carolan.


Shanghai. Sensex. ASX200 & Beyond — See What’s Next for Asian-Pacific Stocks

Every Sunday, Tuesday and Thursday, our Asian-Pacific Short Term Update brings you new, objective forecasts for the Nikkei 225, ASX200, Hang Seng, Shanghai Composite, S&P Nifty and more. We’ve just  released the December 20 issue, and we’re offering it to you — FREE — through this special offer.

Read your free issue now


[Click chart to expand]

  • March 18, 2014: “The dollar is rallying and the yuan falling as wave 5 appears complete. With prices breaking out now above the upper weekly Keltner channel for the dollar versus the yuan, we can state that a very large dollar rally is in its early stages.”
  • May 11, 2014: “The dollar rally this year versus the Chinese yuan is the largest against that currency since rates were allowed to partially float twenty years ago. The daily chart shows that the dollar has completed five waves up against the yuan. The daily Jurik RSX has now turned lower with a bearish divergence. We should expect some additional pullback in the dollar now versus the yuan. [It] will present an opportunity to become bullish on this cross rate on further weakness.”
  • December 9, 2014: “We showed the long-term Yuan charts a few times earlier this year after the dollar completed a long-term, five-wave decline. The subsequent dollar yuan rally managed to break above its upper weekly Keltner channel and then challenge the upper monthly channel. Then, the dollar began a months-long pullback against the yuan. We’ve been waiting for signs of the next wave higher in dollar yuan. That wave is beginning now.”
  • January 27, 2015: “A long term dollar rally versus the yuan fits Elliott Wave International’s outlook for deflation. …the dollar rally versus the yuan remains in its early and formative stages.”
  • July 30, 2015: “It’s been some time since we checked in on the dollar yuan exchange rate. The rate is pegged by the Chinese government, though it is subject to market pressures. We’ve been patiently awaiting an upside breakout in the dollar against the yuan. Recent news reports have highlighted the increasing flight of capital from China. That capital flight causes upward pressure on the dollar yuan, which is the direction we’ve been expecting this market to take for some time. Reports are also tracking heavy Chinese selling of U.S. Treasuries in order to dampen the upward pressure on dollar yuan. For now, the peg holds tight, as shown in the weekly chart. Yet at some point, markets are bigger than governments. We expect dollar yuan to defeat those who are determined to peg it. …when that time comes, it will be a third-of-a-third wave higher for the dollar against the yuan [targeting] trading area at 6.80.”

  • August 23, 2015: “China is holding the line again on the yuan, but their very small devaluation is lagging far behind the large moves in their neighbors’ exchange rates. The offshore yuan continues to put pressure on the Chinese for further devaluations. That devaluation will come, but we may need to wait a while before it occurs.”
  • October 13, 2015: “The bigger picture in the yuan shows that the dollar decline since the sharp devaluation move is clearly corrective. To sum up all the evidence, we are closely monitoring these markets for an expected resumption of volatility across all financial markets.”
  • November 10, 2015: “The dollar is once again stronger versus the offshore yuan than the official, onshore, pegged trading. A higher dollar versus emerging market currencies will once again pressure China to devalue the yuan. We continue to expect the yuan to trade at 6.8 per dollar in coming months.”

  • December 15, 2015: “We’re seeing the Chinese yuan’s steady devaluation as the fixed onshore exchange rate continues to follow the offshore rate, where the dollar is moving higher. The 6.80 level of Minor wave 4’s trading range as shown on the monthly chart is our minimum target for this move. The yuan’s devaluation will keep the pressure on emerging market currencies in coming months. Each country believes the best way to fight deflation is to devalue their currency and export that devaluation to their neighbor. These pressures on all currencies to devalue will continue into 2016.”
  • January 12, 2016: “The yuan will move lower regardless of Chinese government actions. But this reversal today likely marks the wave (iii) top in the dollar, so we may expect a week or more of quieter yuan trading before the long-term dollar rally resumes.”
  • April 24, 2016: “The yuan seems poised for another round of devaluation as the dollar exchange rate moves higher in Minute wave v.”
  • May 10, 2016: “The dollar is moving higher again versus the yuan as Minute wave v gathers upside momentum. The dollar is trading at the largest premium over the yuan on the offshore market since February. Look for the dollar to continue towards our long-term price target at 6.80 yuan per dollar in coming weeks and months.”
  • June 19, 2016: “The dollar advance against the yuan continues. This Minute wave v rally is orderly so far.”
  • October 4, 2016: “We have a long-term minimum target of 6.83 for this advance, which is the level of the previous fourth wave, the end of the Minor 4 triangle in 2010, shown on the monthly chart. We first issued that price target over a year ago in 2015. This strong, long-term trend up in the dollar versus the yuan deserves our respect.”
  • November 8, 2016: “The Chinese yuan has reached our long-term price target of 6.80.

So, what should we make of this brief history?

It’s best summarized by this quote from Chris Carolan’s Asian-Pacific Short Term Update:

“The [dollar/yuan] rate is pegged by the Chinese government, though it is subject to market pressures.

“…markets are bigger than governments.”


Shanghai. Sensex. ASX200 & Beyond — See What’s Next for Asian-Pacific Stocks

Every Sunday, Tuesday and Thursday, our Asian-Pacific Short Term Update brings you new, objective forecasts for the Nikkei 225, ASX200, Hang Seng, Shanghai Composite, S&P Nifty and more. We’ve just  released the December 20 issue, and we’re offering it to you — FREE — through this special offer.

Read your free issue now

This article was syndicated by Elliott Wave International and was originally published under the headline Chinese Yuan: “Manipulated” Does NOT Mean “Unpredictable”. EWI is the world’s largest market forecasting firm. Its staff of full-time analysts led by Chartered Market Technician Robert Prechter provides 24-hour-a-day market analysis to institutional and private investors around the world.

Come riconoscere un impulso da una correzione tecnica

Postato il Aggiornato il

Il caso del FTSE MIB: in seguito alle numerose richieste pervenute sul nostro indice italiano, vi spiego gli indizi che preannunciavano (con molta precisione) la direzione del trend.

In questo articolo andremo strettamente sull’aspetto tecnico. Analizziamo quindi subito il movimento partito nel settembre 2009:

FTSE MIB40 Index

  • in prima posizione troviamo una leading diagonal
  • l’onda 2 non deve mai ritracciare più del 100% dell’onda 1
  • l’onda 3 non può mai essere più corta dell’onda 1
  • in questo caso l’onda 3 è estesa rispetto all’onda 1
  • l’onda 4 non deve invadere il territorio dell’onda1

Notiamo quindi che, la discesa dai massimi di settembre 2009, è di carattere impulsivo ( notate la differenza tra il rimbalzo tecnico 2008 -2009 e la discesa 2009 – 2011). All’epoca però, non potevamo conoscere con esattezza, se questo impulso era l’onda finale di un ciclo: era necessario aspettare il rimbalzo tecnico dai minimi del 2012, andiamo quindi ad analizzare il rimbalzo tecnico 2012 -2016:

FTSE MIB40 Index 2

  • l’ascesa del prezzo non è in 5 onde
  • ad ottobre 2014 il prezzo entra nel territorio del precedente massimo fatto segnare a gennaio 2013: non può essere considerata un’onda impulsiva
  • se non è un’onda impulsiva è una correzione del precedente impulso
  • La fine della correzione tecnica (pochi mesi) fa, non invade il territorio del precedente massimo, confermando il carattere correttivo del rimbalzo

Per cui, il prezzo ci ha dato le indicazione necessarie per tradare con confidenza ( non sicurezza) il nostro indice, ma il lavoro più difficile da fare è analizzare un impulso e capire la correzione tecnica che si sta sviluppando. Solo in questo modo è possibile fare previsioni accurate nei mercati finanziari!

 

Protetto: Ultima edizione screenshots 08.06.17

Postato il Aggiornato il

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

STOCK MARKET : INFLECTION POINT?

Postato il Aggiornato il

STOCK MARKET : INFLECTION POINT? un possibile scenario sull’indice americano S&P500 e l’indice tedesco DAX

Ancora una volta il mercato ha dimostrato che le banche centrali non sono in controllo del mercato stesso: la conferenza di Mario Draghi ne è stata un esempio Giovedì scorso, pensate che allora le banche centrali siano in controllo dell’economia? Io mi limito ad analizzare i movimenti del mercato e del prezzo in maniera oggettiva ma quello che sto osservando da un pò di tempo non può essere trascurato:

Le banche centrali hanno creato uno stato di iperconfidenza nel loro operato crando attese altissime: un piccolo esempio è questo:

Mario Draghi ha dichiarato che i prezzi in discesa del petrolio sono di per se uno stimolo per l’economia, ma siamo sicuri che nei prossimi mesi, il mercato del petrolio resterà a questi prezzi oppure potremmo vedere un’ascesa vertiginosa dei prezzi del petrolio, ascesa dei prezzi che potrebbe smontare il castello di carta creato dalla Bce?

Una cosa è chiara:

Il mercato sta perdendo fiducia nell’operato delle banche centrali. Il mercato azionario è salito negli ultimi anni , grazie alle speranze e non grazie a fondamentali economici robusti.

Dopo questa introduzione passiamo all’analisi del trend, prendiamo due indici : l’indice tedesco DAX e l’indice americano S&P500

DAX:

DAX30 Perf Index

  • Il mercato sale dal 1974!
  • Ci sono 5 onde completate
  • L’onda 4 è stata un triangolo
  • il target del triangolo è stato centrato in area 12.000 punti
  • i triangoli sono dei pattern che anticipano la fine di un trend
  • Se l’analisi fosse corretta il target della correzione è verso l’area del precedente supporto

S&P500:

S&P500 Index

  • Il mercato sale dal 1956!
  • 5 onde completate o vicine al completamento
  • l’onda 3 ha superato il canale segno di un esagerato ottimismo
  • perdita di momentum evidente
  • anche in questo caso i fondamentali economici sono più deboli rispetto alle onde precedenti

Per cui questo scenario è da tenere bene in mente:

Non significa che al 100% si verificherà, ma sicuramente è uno scenario possibile, in ogni caso non entrerei long sul mercato azionario a questi prezzi per un possibile target del 10% a fronte di un rischio enorme!

 

Non esistono prodotti miracolosi nei mercati finanziari

Postato il

Un articolo descrittivo, o meglio una riflessione, che invito molti clienti ( soprattutto di banche) a leggere.

Nei mercati finanziari, l’unico modo per avere successo è avere un metodo e seguirlo meticolosamente. Il metodo deriva dalla conoscenza di come si muovono i mercati finanziari. Chi possiede la conoscenza migliore o il metodo di solito è un individuo, che per passione , ha iniziato ad osservare il mercato per giorni e giorni o meglio per anni e l’arte dell’osservazione lo ha portato ad analizzare tutte le componenti dei mercati:

  • movimenti tecnici
  • psicologia della massa
  • money management
  • psicologia del trading
  • approccio alle news

Un dato statistico indica che, solo il 10% dei partecipanti al mercato è profittevole: ciò significa che il 90 % dei partecipanti perde denaro: già questo dato dovrebbe far riflettere molte persone: come posso io cliente ( che non conosco i mercati finanziari) essere profittevole se entro nel mercato con lo stesso metodo del 90% delle persone che perde denaro?

Un altro aspetto molto curioso dei mercati finanziari è questo: penso sia l’unico campo in cui il denaro del cliente viene consegnato a non professionisti del settore: i quali con grande maestria confezionano pacchetti di portafogli all’interno dei quali si trova di tutto (obbligazioni in valuta, azioni, commodities, fondi) ovviamente portafogli stimati attraverso l’uso di modelli statistici che si basano sul concetto che il mercato si distribuisca in maniera normale: peccato che i mercati non si distribuiscono in maniera normale ma semplicemente seguono la logica che vogliono. La frase migliore rimane sempre questa: “Il modello ha stimato una performance del 10% e lo ha fatto anche in passato quindi può stare tranquillo”.

E mentre il portafoglio non rende la banca incassa le commissioni. Allora le cose da fare sono due: mettersi davanti allo schermo, studiare e cercare di capire come funzionano i mercati e cominciare a gestire il proprio denaro oppure cercare dei metodi alternativi. Ricordatevi questa frase:

L’unico esame che deve superare un individuo che si cimenta con i mercati finanziari è questo: giorno per giorno cercare di essere profittevole accettando le perdite e cercando di lasciar correre i profitti. 

Allora qualcuno dovrebbe spiegarmi, com’è possibile che una persona che passa la giornata a fare colloqui con i clienti possa investire i soldi dei clienti. La risposta è semplice: Perchè ha avuto l’abilitazione grazie ad un esame teorico. Tutta fuffa tutta fuffa.

Ecco alcuni dei prodotti da evitare con molta attenzione:

  • Obbligazioni in valute estere, senza rendervene conto state investendo nel mercato Forex
  • prodotti legati alle commodities: questi sono uno degli strumenti più difficili da tradare anche per me. perchè a differenza dei mercati finanziari ( che si muovono in base alle aspettative di crescita dei prezzi) nel mercato commodities i prezzi si muovono in base alla paura o tensione geopolitiche: in sintesi se siete dalla parte giusta del mercato potreste fare bingo, in caso contrario no ( ma chi vi gestisce i soldi ha impostato uno stop loss?NO)

Infine vorrei dirvi, che per capirci qualcosa di mercati finanziari, ci ho messo la bellezza di 7 anni di lavoro continuo e giornaliero: non è un mondo facile quindi, se non siete a conoscenza dei rischi che correte, non consegnate denaro a chi non conosce i mercati. Per esperienza posso garantirvi che non c’è nessun prodotto o portafoglio miracoloso ma solo situazioni da tradare. Diffidate da chi vi vende un prodotto, ve lo sta vendendo solo per incassare una commissione.

Perchè scegliere il mio servizio?

Postato il

http://www.fabiotroglia.com/tods-setup-molto-interessante-10902

Il 25 Aprile 2015 indicavo Tod’s come potenziale titolo molto interessante. Guardate il movimento che ha fatto. Il mercato mi sta dando ragione. ingresso a 75/80: adesso siamo a 91!!

TOD
TOD

Questo è il futuro: basta banche che vi vendono spazzatura e non conoscono minimamente i mercati. Affidati ad un professionista per soli 25 EUR al mese o 150 a semestre. 

Con un segnale di questo tipo vi siete già ripagati il costo del servizio:

Ecco il link per capire meglio come si svolgono i segnali:

https://filipozze.wordpress.com/servizio-segnali-trading-elliott-wave-dynamic-strategy/

per info: filipozze@hotmail.it